Amandola → Borgo e Territorio

Amandola territorio 150

Territorio di Amandola

Posizione

 Panorama

Panorama

Il territorio di Amandola si estende per 69,42 Km 2 con altimetrie che variano dai 302 ai 1895 m. slm, dal fondovalle del Tenna alla cima del Castel Manardo.
(Parametri di Latitudine: 42° 58′ 47.28″ Nord e di Longitudine 13° 21′ 19.80″ Est.)
Il tracciato della SS 78 Picena divide l’area in due zone: una alto-collinare a nord-est, con la massima altitudine a 773 m. costituita dal monte Civitella, ed una a sud-ovest montana che culmina nei Sibillini, col Castel Manardo a 1700 m. E’ questa la principale catena montuosa che si dispiega da NNO a SSE e divide il versante Adriatico da quello Tirreno.
La descrizione geomorfologica del territorio, così variabile , è legata all’azione di scavo delle acque dei fiumi che, disegnando un susseguirsi di solchi vallivi, caratterizzano i pendii montani e collinari.
I calcari, siano essi allo stato puro che marnosi, prevalgono nelle alture occidentali mentre i detriti di falda si ritrovano alla base del Castel Manardo.
Nelle aree collinari, invece, prevalgono le arenarie con zone argillose nei pressi delle contrade: San Cristoforo, Santa Lucia, Marnacchia, San Lorenzo, Collicelli.
Per quanto riguarda il clima, questo risulta umido con massima piovosità nei mesi di novembre e dicembre e minima nei mesi di luglio-agosto mentre le temperature medie oscillano fra gli 11 e 12°C.
Il territorio è attraversato dal fiume Tenna che ha una portata media annua di 2,83 m3/sec con minime ad ottobre e massime a febbraio. Nel suo letto confluiscono i vari torrenti: Lera, Callugo, Treggiara, a sinistra e Vetremastro, Coriconi e fosso dei Monti, a destra.
Con l’invaso di San Ruffino si è tentato di costruire un serbatoio per l’irrigazione che però interessa solo in minima parte l’area amandolese con soli 13 ettari irrigati per lo più dalla pioggia.
Dall’ultimo censimento demografico (dati ISTAT 2013) la popolazione risulta di 3709 abitanti con una densità di 53,4 abitanti/Km2. Negli anni si è assistito ad un progressivo abbandono del territorio che ha visto nel periodo 1961 – ’71, la maggior percentuale di esodo verso le aree costiere.
Amandola è compresa nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini (costituito il 11 marzo 1988 ) con 521 ha. (zona 1) di eminente valore naturalistico e 2007 ha. ( zona 2), antropizzata (DM Ambiente 1990).

Mario Antonelli