Falerone → Storia e Cultura

falerone 150

Raffaela Cotini: Alla nostra bella terra di Falerone

DOCE DOCE
Alla nostra bella terra di Falerone; testo del 2005 per accompagnare il “Carro” realizzato dalla sua Contrada Santo Stefano per la Contesa de la ‘nzegna di quell’anno

Carro della Contrada Santo Stefano 2005

Carro della Contrada Santo Stefano 2005

Raffaela Cotini è una apprezzata pittrice, che vanta mostre prestigiose e recensioni di critici di vaglia, ma prima di tutto è una faleronese innamorata fino al midollo del suo Paese, come testimonia, tra l’altro, il volume Falerone-I luoghi della gente, che ha curato, insieme a Claudio Giovalè, per l’editore Andrea Livi di Fermo, nel 1998.

Raffaela ha scritto il testo che segue nel 2005 per accompagnare il “Carro” realizzato dalla sua Contrada Santo Stefano per la Contesa de la ‘nzegna di quell’anno. Vi immagina un dialogo tra una donna di Falerone e un ragazzo.

La Redazione

 

DOCE DOCE

Copertina del libro Falerone-I luoghi della gente

Copertina del libro Falerone-I luoghi della gente

Alla nostra bella terra di Falerone

Scia onore a Té…granne Patreternu, e a lu fijolu to’  San Furtunatu,
…po,’ po’,calènne sembre più ‘nguajo’,scia onore a té, jende de Fallero’ .
Noatri scimo la cambagna, li condadì dé stu paese,
illi che puzza dé merda dé acche., illi niri, stracchi, sudati,…..
e ‘mbauriti, illi che lu còre ‘ndeve avé!
……………….ohhhhh San Furtunatu mé, ma comme facimo ?
Noatri istu còre  ce l’aimo, ce l’aimo…!
Tu ‘bbocca ‘rrendro, tu lo poi vedé, lu sintimentu  e l’amore che c’è.
Sopre lu carru ti scimo portato lo mè., lo doce, …..se putria dì:
che c’entra co noatri l’assamu, lo mè, lo doce-
che c’entra co noatri?
Ohhh staete attente che non è cuscì, non è cuscì,
Esta è ‘na cosa antica più de nu, esto è lo doce che cala da lassù
…’sto’ doce fà vène a lu frichì, e pure a te che ciai che annu de più.
Fà vene a tutti ‘rrendro e fori, fà vene pure a te che n ‘ciai dolori,..
ppo’, ppo’ ppo’, guardenno co’ l’occhi de lu core,
sta terra nostra cuscì vona e vella,……non pozzo che dì forte:
-pure esto è mè- è lo mè doce doce, le api scimo nu care perso’
scimo nu, scimo nu!
Edete allora stu vistitu, comme divenda vellu e prufumatu
.e comme la puzza se tramuta in doce,in doce.
Ecco ‘vvicino a mé c’è un jonottellu,cià l’occhi niri, la faccia pulita,
tutti dice che non se ne troa più de fiji cuscintra a Fallirù!
ma che dicete , ma che dicete..
……………..li fiji, li fiji, -e ‘ppo’ le facce le criimo nu’!
Issu st’animalittu lu conosce, lu conosce, daete edé ‘ llà ‘rreto casa so’
quanto mè ci stà:.quaranta ‘ssami tutti in fila-
pricisu con amore stà ‘mbarenno l’arte de lo mè.
Questo ‘rreto casa,ma se vedete più  ‘nnanzi, ‘rrendro,
fori, tutt’ìattunno amore c’è.
Ecco lo mè, la faccia pulita,  la voja de conosce e dè sapé,
…..ohhhh sai che tè dico caru fiju mé,sai che te dico,
-le api scimo nu, de stu paese., e lo ripeto, scimo nu!
venni quà venni ‘vvicino a mé, damme la mà, segui stu suspiru…..
…jimo, .jimo, jimo jende, jimo tutti quanti, jimo ‘ncerca de mè.
Suspiru me non te fermà,vanni a troà l’amori de Moelà,
li gigli de Maisce, li Jonvrà……..

<<Do’ è ‘ssi posti,…dimme mbo’….dimmene l’atri famme ‘barà>>

lu Puzzu,stu castellu  su la strade, la  Commenna,San Giuseppe,
le Moje, li Vascì, li Chiacchiarì,li sparici e la pimpinella de San Paulì.
Suspiru và,suspiru corri và,  và,
….và a coje li tulipani de Fonte Magghiu,

<<Sci.. quissi , sci li saccio pure io………..>>
 Suspiru và, và a ‘bbee l’acqua fresca de sorgende,
in questa terra ce ne stanno tande, và suspiru,
và………
Le carge de Cisterna e li sammuchi, li Gurbi, Vasciù, Patrigno’,
Cirritì, Munticillu, lu Spinitu, e Ficette, S. Marghirita e le jinestre.
Pelè, la Maddonna, l’Oriolu, le Piagge, Sammucitu, Salegnà,
Campulungu co’ l’arvulata de quà e de  ‘llà,le cerque e l’urmi,
le jie de le Piaggiole,
le Crete, le Vore,lu mujì, Ceccucciu pienu de viole.
Suspiru mé, suspiru mé!

<<Suspiru,ma do ‘mme porti do ‘mme fai pusà, tutti ‘ssi posti ciaimo a Fallero’?…….
…tanta jende mango ce li sà!>>

Và suspiru, suspiru mé và .guarda lu fiume, li fossi, le fonde,
li fondanì, li puzzi, i pandà, e fundinelle piene pe’ ‘bberà. 
Esto è fori , .addè jimo lassù,’bbucchimo ‘rrendro le mure de stu paese…………………………………………………………………..

<<Ma suspiru!! ma suspiru>>

Non si capito, che pure ecco  ci stà lo doce?
‘Mbara a troà lo mè, ‘mbara a troà lo mè,
jira sti viculitti, parla co’ la jende, ‘ccarezza li capiji de ‘nfrichì,
‘bbocca nell’orti guarda l’orizzonde, de su’ li mundi, de jo’ lu mare c’è,
…………………….’ppo’ cala le scalette sotto la torre,cerca ‘nporto’,
sona la campanella, na voce te risponne
<< Scimo api pure nu, scimo api pure nu>>.
Esse è le monachelle, edi fijiu, comme è vellu stu paese,.
comme è vella sta terra de Falliru’.