Montelparo → Storia e Cultura

Montelparo logofine 2

Montelparo: Istituto Mancinelli

Quando un Bambino con Autismo diventa Adulto

La struttura

La struttura

L’Azienda Socio Sanitaria “GIOVENALE MANCINELLI” è un’emanazione dell’Opera Pia Ente Servizi Sociali ed Assistenziali di MONTELPARO (FM). Ha iniziato la propria attività come Centro Residenziale e Semiresidenziale nel 1967, orientandosi verso servizi educativi nell’ambito dell’età evolutiva e giovani adulti. Dal 1967 la Struttura fu convertita in Centro di Riabilitazione per persone con handicap psichici e fisici. Dal 1980 è convenzionata con il Servizio Sanitario Nazionale per l’erogazione di prestazioni di riabilitazione funzionale, per soggetti portatori di disabilità fisiche, psichiche e sensoriali, in regime residenziale, semiresidenziale e in regime ambulatoriale.
Dal 1° gennaio 2012 si è trasformata in ASP (Azienda di Servizi alla Persona).
Promuove anche un centro di terapia e riabilitazione per invalidi civili esterni.
Affianca l’Istituto la presenza della Casa di Riposo “Francesco Antolini”.
Queste strutture offrono lavoro a moltissimi montelparesi e non solo.
Lo scopo principale che l’Ente persegue è la promozione delle iniziative a favore degli aventi diritto ad interventi sociali, nell’ambito della prevenzione, dell’assistenza, della riabilitazione, della promozione ed integrazione sociale.

Giovenale Mancinelli

Giovenale Mancinelli

Nel campo medico-psico-pedagogico gli interventi sono rivolti a favore di persone disabili con fini assistenziali e riabilitativi.
Le finalità fondamentali sono di favorire l’adattamento e il raggiungimento della massima autonomia delle persone ospitate, anche in presenza di gravissime disabilità, di facilitare la partecipazione alla società, contrastando le forme di esclusione sociale e prevenendo le forme di istituzionalizzazione segreganti.
L’Istituto Mancinelli dispone di 4 moduli, organizzati come unità operative, a cui sono assegnati educatori professionali e operatori socio-sanitari. Ogni modulo riporta il nome di un colore e viene differenziato per il carico di assistenza, le attività riabilitative, la diagnosi dei ragazzi ospitati e la progettazione di interventi.
Un fatto assolutamente da sottolineare è quello dell’assoluta e fattiva collaborazione che coinvolge, da oltre cinquant’anni, la popolazione di Montelparo e l’Istituto Mancinelli. Ad ogni iniziativa comunitaria c’è la partecipazione dei ragazzi che, accompagnati dai loro bravissimi assistenti, si integrano perfettamente per la soddisfazione di ognuno.
I ragazzi del Mancinelli sono considerati e trattati a Montelparo come propri ragazzi e figli. Sono amati e accolti, senza distinzione e senza remore, dalla popolazione tutta. Essi stessi, sempre con l’aiuto dei preparatissimi assistenti, si danno da fare per allestire addobbi, mercatini, presepi: quando ce n’è l’occasione sono sempre presenti! Importante fine settimana a Montelparo!
L’Azienda Socio Sanitaria “G. Mancinelli” organizza, poi, convegni a tema e riunioni.

CONVEGNO: I disturbi dello spettro autistico

L’ultima occasione di livello Nazionale è capitata nei giorni del 6 e 7 marzo scorsi con un convegno sul tema “I DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO DALL’INFANZIA ALL’ETA’ ADULTA”. Questo convegno era finalizzato all’aggiornamento sulle più attuali conoscenze scientifiche inerenti i Disturbi dello Spettro dell’AUTISMO in campo neurobiologico, clinico, terapeutico ed educativo. Si è voluto fornire, a chi opera nella sanità, nella scuola e nelle agenzie educative, gli strumenti che permettono di conoscere lo sviluppo dell’autismo nel corso dell’arco della vita e di pianificare la transizione dall’infanzia fino all’età adulta, attraverso la conoscenza della possibile evoluzione del quadro clinico, dei differenti bisogni sanitari e delle nuove esigenze educative/abilitative/riabilitative. IL CONVEGNO HA RILASCIATO 12 CREDITI ECM PER TUTTE LE PROFESSIONI SANITARIE. Oltre 100 gli iscritti! Tra di loro moltissimi genitori di ragazzi con questo tipo di disturbo: da elogiare per la responsabilità e l’apertura mentale con la quale essi affrontano il grave problema che affligge i figli!
“MAGISTRALE”: così si può definire, usando una parola ricorrente per presentare le varie letture degli intervenuti, il successo di questa due giorni di Convegno! Presenti il Sindaco di Montelparo, Marino Screpanti e il Presidente della Provincia di Fermo, Fabrizio Cesetti l’evento si è svolto sotto la responsabilità scientifica della Dottoressa MAGDA VERDECCHIA, Direttore Sanitario del Mancinelli di Montelparo, ed organizzativa delle dottoresse Maria Cocci e Federica Straccia, nei locali del CANTINONE (interno del grande complesso che è l’ex convento agostiniano). Qui si sono si sono alternati relatori d’eccezione quali:
BRUNO ACCIARRI, responsabile UOS Materno-Infantile Area Vasta 4 di Fermo;
VINICIO ALESSANDRONI, direttore UOS UMEA Area Vasta 5 di Ascoli Piceno;
PAOLO CURATOLO, ordinario di Neuropsichiatria Infantile, Direttore UOC Neuropsichiatria Infantile dell’Università di Tor Vergata di Roma (qualche giorno dopo lo abbiamo visto intervenire in un programma di RAI 2 quale esperto sui disturbi della scrittura!);
MARCO DE CARIS, Cattedra di Psicologia della Riabilitazione dell’Università dell’Aquila;
LUCA ERRANI, Coordinatore del Centro Diurno dell’Associazione Arca – Comunità Arcobaleno di Bologna;
GIOVANNI MAGONI, Centro di Riferimento Regionale Autismo ASL 1 de L’Aquila;
MAURIZIO MICOZZI, Responsabile UOS UMEE Area Vasta 4 di Fermo;
DAVIDE MOSCONE, Presidente dell’Associazione Spazio Asperger Onlus di Roma;
ROBERTO SACCO, Unita di Neuropsichiatria Infanzia e Adolescenza Università Campus Biomedico di Roma;
VERA STOPPIONI, UOC Neuropsichiatria Infantile di Fano, Responsabile Progetto Autismo Regione Marche;
MICHELE TOMASSINI, Responsabile UOS UMEA Area Vasta 4 di Fermo;
MAGDA VERDECCHIA, Direttore Sanitario del Mancinelli di Montelparo;
NELIA ZAMPONI, Direttore UOC Neuropsichiatria Infantile Presidio Ospedale Salesi, Ospedali Riuniti di Ancona.

Montelparo 800x600

 

Giuseppe Mariucci