Monte Giberto → Architettura

montegiberto

Le chiese nel territorio di Monte Giberto nei secoli XIII – XV

L’architettura religiosa attraverso i secoli

Considerevole è il numero delle chiese nel territorio montegibertese nei secoli XIII-XV, soprattutto se viene rapportato alla sua limitata estensione. In base alle Rationes decimarum degli anni 1290-1299 e ad altri documenti risulta che nel territorio in esame esistevano le seguenti dodici chiese.
1 – S. Andrea: segnalata nel 1290, era posta probabilmente a nordest del Castello, ai confini con Ponzano di Fermo. 2 – S. Giovanni Battista: era situata dentro il Castello e custodiva il citato altare di S. Giberto ed un perduto trittico di Carlo Crivelli, dipinto nel 1478; fu ricostruita dalle fondamenta intorno al 1770. 3 – S. Giovanni di Casale: costruita in origine nel distrutto e omonimo Castello, fu poi ricostruita, forse nel secolo XV, dentro la cinta muraria di Monte Giberto, conservando la titolazione e il cospicuo patrimonio dei beni mobili e immobili; è scomparsa in epoca imprecisata. 4 – S. Giovanni di Faveto (o Fageto): segnalata fin dal 1290, si trovava in contrada Colle S. Giovanni ed è scomparsa in un periodo non definibile. 5 – S. Lucia: chiesa rurale ancora esistente nell’omonima contrada, segnalata fin dal 1290, annessa più tardi alla chiesa di S. Nicolò e ristrutturata nel 1728. 6 – S. Margherita e poi santuario Madonna delle Grazie: nota fin dal 1290, si trovava poco fuori del Castello e ospitò una statua della Vergine con il Bambino, attribuita alla scuola pisana del secolo XIV. Per la viva devozione verso quel simulacro, fu trasformata in santuario e nel 1757 fu abbattuta e sostituita con l’attuale e monumentale chiesa, molto frequentata. 7 – S. Martino di Lauriano: chiesa segnalata nei documenti fin dal 1290 e situata nell’attuale contrada di S. Martino. Forse fu sede di una “Laura” con un certo numero di celle separate per anacoreti e con un preposto (praepositus). 8 – S. Martino del Podio: chiesa situata nell’omonimo Castello, è segnalata fin dal 1290 ed è scomparsa in epoca sconosciuta. 9 – S. Michele: chiesa rurale documentata fin dal 1290; era posta nell’omonima contrada ed è stata abbandonata dopo il 1450, quando ne fa menzione uno specifico inventario. 10 – S. Pietro de Fano: forse costruita nel secolo XIV, viene menzionata la prima volta nel 1406 e poi in umo specifico inventario del 1450; si trovava a nordest del Castello, ai confini con Ponzano di Fermo, probabilmente all’interno dell’odierna contrada Bore di Fiano, 11 – S. Pietro de Valleriano: chiesa costruita nel secolo XIV; si trovava probabilmente nell’attuale contrada Redivalle, che è una deformazione di Rio di valle. 12 – S. Sepolcro: chiesa matrice, posta dentro il Castello, segnalata dai documenti fin dal 1290, ma molto più antica, l’unica con tale titolazione in tutte le Marche nel secolo XIII. Agli inizi del secolo XIV mutò la dedicazione con S. Nicolò di Bari, tuttora esistente, e fu ricostruita dalle fondamenta nel 1746. Il suo parroco aveva il titolo di pievano, derivatogli forse per “partecipazione” dalla pievania di S. Mater Domini di Ponzano, verso cui la chiesa montegibertese aveva una subiectio giuridica.

Giuseppe Santarelli