Belmonte Piceno → Borgo e Territorio

belmonte 150

Il Parco Comunale “ LA TORRICELLA” a Belmonte Piceno

Un Purgatorio dantesco in un Infinito leopardiano

Torricella di Belmonte

Torricella di Belmonte

Un suggestivo colle, sormontato da alti pini, spicca da ogni parte accanto al panorama di Belmonte. È la Torricella, un’altura vicina al paese con una conformazione particolare; è infatti costituita da tre gironi degradanti che culminano con una spianata contornata da una siepe.

Ciascun girone (viene da pensare al Purgatorio dantesco), percorribile a tutto tondo, ha un passaggio per accedere a quello superiore; ognuno di essi è ricchissimo di vegetazione, macchia mediterranea con ogni specie di siepe o cespuglio come pure alberi di vario genere, che fanno da contorno a ogni piano.
La spianata della Torricella richiama alla mente l‘Infinito di Leopardi: c’è l’ermo colle, la siepe, il vento che stormisce tra le piante…
Non si hanno notizie storiche su questo luogo, anche se qualche studioso ha ipotizzato che in un passato molto lontano, avrebbe potuto essere sede di insediamento di abitazioni signorili, ma non ci sono prove al riguardo.
Di sicuro invece si sa che due secoli fa fu acquistata da Luigi Bertoni, insegnante elementare a Belmonte, il quale ne fece una specie di orto botanico per le esercitazioni agrarie dei suoi alunni, come indicato dal ministro della Pubblica Istruzione del neonato Regno d’Italia.
Ora il nipote omonimo ha affidato la Torricella al Comune di Belmonte perché la custodisca e la valorizzi, onde offrire ai cittadini e ai turisti un luogo ameno da godere nella bella stagione, con i suoi percorsi per passeggiare, con i suoi angoli di pace, l’aria salubre e uno splendido panorama verso i monti Sibillini.

Ivano Bascioni