Amandola → Architettura

Amandola Torrione del podestà XVI sec - 150

Edifici monumentali di Amandola

Torrione del Podestà – Teatro La Fenice

Torrione del podestà XVI sec

Torrione del podestà XVI sec

Torrione del Podestà

Il palazzo del podestà venne collocato sul poggio di Castel Leone, nell’area a maggior concentrazione amministrativo-economica e lì completamente riedificato nel 1352.
E’ documentato un radicale restauro della torre comunale con l’adiacente palazzo nel 1518 mentre la sola torre venne completamente ricostruita nel 1547. Sulla sua facciata si trasferì nel ‘700 il grande orologio proveniente dal campanile della chiesa di S Francesco.
Teatro La Fenice – Castel Leone
Primi accenni di rappresentazioni profane ad Amandola vengono riferite verso la metà del quattrocento mentre i primi teatri stabili risalgono alla metà del secolo successivo.
Sembra che una sala adibita a rappresentazioni teatrali fosse collocata all’interno del palazzo pretoriale ed un secolo dopo (1698) si sentì l’esigenza di un nuovo edificio più capiente e consono alle nuove mode di rappresentare.
Una delibera del Consiglio comunale del febbraio 1714 e 1734 tratta di restauri che dovevano essere compiuti sull’edificio.
L’attuale assetto del Teatro La Fenice ricalca le innovazioni mutuate dai grandi teatri italiani verificatesi nell’ottocento con l’adozione di una pianta ellittica, come il Teatro dell’Aquila di Fermo e tre ordini di palchi sovrastati dal loggione alla galleria con arcate definite da ringhiere a piastrini.
Sulla volta, in prossimità del proscenio, stucchi raffiguranti festoni, putti e medaglioni in stile neoclassico con contaminazioni liberty: le allegorie della Commedia e della Musica dell’amandolese Vincenzo Pascucci.
Il Teatro è rimasto chiuso dal 1958 sino ad oggi per radicali restauri iniziati nel 1991.

Mario Antonelli