Ortezzano → Curiosità

Cipresso di Ortezzano

Ortezzano: Cipresso e Pioppo bianco

Cipresso (Cupressus Sempervirens) – Loc. Cimitero
Circonferenza, m. 4,80
Altezza m. 25

Mentre in regioni quali Toscana, Lazio, Emilia Romagna, si rinvengono cipressi di 5 o anche 6 metri di circonferenza, non rientra nella tradizione marchigiana quella di annoverare nella sua flora dei cipressi monumentali.

il possente fusto, unico nel filare di cipressi

il possente fusto, unico nel filare di cipressi del Cimitero

Per questo, un cipresso che raggiunge m. 4,80 di circonferenza a m. 1,30 da terra è un fenomeno più unico che raro. L’albero fa parte dello stesso viale che conduce al cimitero di Ortezzano, e si trova di fronte al cancello d’ingresso. Non sono stati condotti studi appositi che spieghino il perché di questa preponderanza dimensionale di questo cipresso su tutti gli altri esponenti del viale.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    

 

pioppo villa Cru

pioppo di villa Cru

Pioppo  Bianco

Populus alba – località Aso
Circonferenza m 4,25
Alt. m. 29
Chioma m. 27
Età anni 80 circa

Si trova a margine fra le proprietà dell’azienda di Agriturismo Villa Cru e la macchia ripariale del fiume Aso. Pur se di dimensioni rispettabili e di aspetto molto pregevole, non è il più grande pioppo della Valdaso. Esso può, tuttavia, essere assunto a simbolo di quella che era la situazione di sicurezza del nostri fiumi oltre mezzo secolo fa. Lungo il fiume Aso, negli anni antecedenti l’ultima guerra, il marchese Pelagallo, uno dei più importanti proprietari terrieri della valle, aveva fatto piantare centinaia e centinaia di pioppi, con il preciso scopo di proteggere i suoi terreni dalle inondazioni. In poche decine di anni essi divennero un poderoso baluardo contro le erosioni delle inondazioni. Purtroppo, con gli anni, nessuno ha più provveduto alla loro manutenzione e al loro rinnovamento, anzi, alcuni contadini li hanno abbattuti per guadagnare terreno alle colture, con i risultati che sono balzati alle cronache degli ultimi tempi. Il pioppo di questa foto è uno dei relitti dell’antica, efficientissima macchia.

Valido Capodarca