Lapedona → Architettura

S.Maria degli angeli lapedona

Chiesa santa Maria degli Angeli a Lapedona vista da G. Crocetti

Chiesa del sobborgo

L’oratorio è stato oggetto di generale restauro, promosso dalle competenti Soprintendenze di Ancona ed Urbino, che hanno interessato il rinnovo del tetto, del pavimento e degli intonaci. Per quanto riguarda gli affreschi il restauro, stante il notevole degrado causato dalle precedenti infiltrazioni d’umidità, si è limitato a fissare il pessimo stato di degrado.

chiesa S.Maria degli Angeli con affreschi del sec. XiV e XV

chiesa S.Maria degli Angeli con affreschi del sec. XiV e XV

Ci si limita pertanto a fare una descrizione ricognitiva dei soggetti, da classificare come dipinti votivi, commissionati per la maggior parte in tempo di pestilenze, proliferate intorno alla metà del sec. XV.

-Nella parete di fondo, lunetta con la madonna del Latte (124×158).

-Parete destra, discreto frammento (118×88) con “S. Sebastiano e S. Quirico”.

-Nella parete a sinistra si succedono:

San Giovanni battista (sec. XIX);

2 figure del martire S.Quirico (151×58)

S. Rocco (151×57) ed altre immagini illeggibili (151×110)

Scomparsa la data 9 dicembre 1444 letta in passato (Nepi).

Lo stato frammentario non consente una lettura idonea per stabilire confronti con dipinti coevi ed affrontare un serio studio nella ricerca di probabili attribuzioni.

Alcune figure hanno un certo rapporto stilistico con analoghi affreschi riemersi nella chiesa rurale di S. Quirico.

Giuseppe Crocetti

Tratto da: “LAPEDONA storia ed arte”, a cura di Luigi Rossi e Giuseppe Crocetti, Andrea Livi Editore, anno 1998