Montelparo → Curiosità

Cedro dell'Indaco

Cedro del Libano – Montelparo

Cedro del Libano in località Indaco
Circonferenza m. 5,30

IL CEDRO DELL’INDACO
A dimostrazione del fatto che, in tema di grandi alberi, non si finisce mai di scoprire, ecco apparire, un paio di anni fa, questo enorme cedro del Libano. E dove? Nientemeno che nella valle del mio Aso, quella che pensavo di conoscere meglio delle mie tasche, per il fatto di averla esplorata in ogni suo anfratto da quando avevo 4 anni. L’albero si trova presso le sorgenti del suo principale affluente, il torrente Indaco, nel territorio comunale di Montelparo (FM). Mi venne segnalato da Umberto Vespasiani, il giovane accanto all’albero nella foto. La circonferenza raggiunge m. 5,30 che lo colloca al terzo posto nella regione fra i rappresentanti della sua specie. A fornirci ogni notizia storica è il signor Screpanti, il contadino che abita la casa colonica attigua. Lo Screpanti sostiene di averlo visto sempre presente, ma suo nonno gli raccontava di averlo visto piantare. Si può perciò ipotizzare un’età un po’ superiore al secolo.

Il poderoso fusto

Il poderoso fusto

Lo stesso contadino racconta che, ai tempi della sua infanzia, l’albero costituiva il suo parco giochi, in quanto egli si divertiva a salire e scendere, da terra a cima e viceversa, servendosi della disposizione orizzontale dei rami, tipica della specie. Oggi molti di questi rami mancano all’appello, sostituiti da altrettanti moncherini. Colpevoli delle perdite, le famose nevicate del secolo scorso (1956, 1985) e di questo secolo (2005, 2012). I rami, appesantiti dalla coltre di neve, cedevano di schianto. Da dentro la sua casa, al tepore del caminetto, il contadino sentiva ogni tanto degli schianti secchi, segnale di un altro ramo che se ne andava.
La segnalazione tardiva non mi permetteva di inserire quest’albero in uno dei miei libri sulle Marche; ma il 2012 era l’anno della pubblicazione del mio “Viaggio lungo l’Aso”. Poiché in capitolo del libro è dedicato ai grandi alberi della valle, ecco che da solo, mi offrivo la possibilità di rendergli giustizia.

Valido Capodarca